RASSEGNA STAMPA 2012                                                                   

                                             

RASSEGNA STAMPA 2011                                                                   

RASSEGNA STAMPA 2010                                                                           

RIVISTE ITALIANE:

GUIDE ITALIANE DEL VINO:

 

RASSEGNA STAMPA 2009                                                                            

GUIDE ITALIANE DEL VINO:

 

ARTICOLI ITALIANI:

 

Vino, meno stelle più mercato

Repubblica — 07 ottobre 2008   pagina 7   sezione: FIRENZE

Buoni, ma non eccezionali. Annata meno brillante per i vini della Toscana. Che perdono punti nel palmarès della guida dell' Espresso «Vini d' Italia 2009» (in edicola e in libreria, 22 euro). «La solita altalena, non tutte le annate vanno bene - spiega Ernesto Gentili, curatore con Fabio Rizzari della pubblicazione diretta da Enzo Vizzari - I vini di eccellenza toscani calano di una dozzina rispetto ai 37 premiati dello scorso anno, siamo a 25 contro i 66 del Piemonte». La classica sfida tra le due regioni, ci vede ben distanziati. Ma non certo sconfitti. Anzi. «La Toscana è la regione di gran lunga più presente con 570 aziende, ben 200 aziende in più del Piemonte, con una qualità di vini molto più estesa - precisa Gentili - Tant' è i 25 premi toscani coinvolgono 1 milione mezzo di bottiglie, i 66 del Piemonte solo la metà. Quindi in questo scontro ideale, la Toscana sul mercato pesa il doppio del Piemonte». Un dato sostanziale che non intacca, dice l' esperto il prestigio consolidato delle grandi etichette toscane, da quelle del Chianti Classico, al Brunello, al Nobile di Montepulciano, ai vini delle costa. Quali le novità da segnalare? Guardando i prezzi, Gentili evidenzia per il Chianti Classico Le Cinciole (12-14 euro) e Il Borghetto, (13-15 euro): «Vini dal prezzo competitivo, come pure il Rosso di Montalcino Valdisuga a 12-15 euro e Pian del Ciampolo di Montevertine a 12-13 euro». Tra gli esordi interessanti, quello dell' azienda Fattoria San Pancrazio a di San Casciano: «Ha presentato un Chianti Classico e un Merlot di annata buonissimi - spiega il curatore - una sorpresa che conferma il dato che la qualità si estende sempre di più. Insomma anche se ai vertici ci sono meno premiati, i vini buoni crescono eccome». Ed emergono, oltre alla Vernaccia di San Gimignano ( Monteidoli Carato 2005, in testa alla classifica toscana con 18,5 su 20 punti), anche i Morellini. Altro vino sorprendente, premiato come "Chianti dell' anno" il docg Rosae Menmosis (degustazioni gratuite domani alle 18, da 'Ino, via dei Georgofili), di Villa Petriolo a Cerreto Guidi. E l' Aleatico dell' anno, prodotto non all' Elba, ma ai piedi dell' Amiata, il Nanerone di Pian di Bugnano, il migliore d' Italia. Quanto al mutare del gusto, ai nuovi segnali che arrivano dai produttori, Gentili conferma: «Dai vini robusti e strutturati, si assiste al ritorno ad uno stile naturale, a vini bevibili, fruttati e fini, che esaltano il territorio, i vitigni autoctoni. La Toscana ha grande nome, grande prestigio di denominazioni, grandi attese da parte dei consumatori soprattutto stranieri, non sciupiamo questo vantaggio. Andiamo avanti con rigore». Per appassionati, curiosi e produttori, l' appuntamento per degustare tutti i vini premiati è domani alla Stazione Leopolda, (ore 11): Pitti Immagine ha già preparato l' allestimento per presentare la nuova edizione «I vini d' Italia 2009», che uscirà insieme a «I ristoranti d' Italia 2009». Una festa di calici e assaggi, introdotta da Carlo Caracciolo e Enzo Vizzari del Gruppo l' Espresso e Gaetano Marzotto, presidente di Pitti Immagine. - MARA AMOREVOLI

 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

RASSEGNA STAMPA 2008                                                                            

GUIDE ITALIANE DEL VINO:

 LUCA MARONI - GUIDA DEI VINI ITALIANI 2008

 PIANDIBUGNANO

Aleatico di Toscana Nanerone 2003           83/100

Sangiovese L'Erpico 2004                             83/100

Cuccaia Montecucco Rososo 2005            81/100

Cuccallegro Bianco 2006                              76/100

Si conferma ottimo il bicchiere di Piandibugnano. Il Cuccallegro bianco 2006, nitido nell'esecuzione enologica è morbido e avvolgente al palato. l'Aleatico di Toscana Nanerone 2003 si impone per la viscosissima dolcezza della sua favolosa polpa di base; il Sangiovese L'Erpico 2004 è campione di piacevolezza, di souplesse e definizione avvertitamente superiore.

PUNTEGGI INTERNAZIONALI:

                                                      

PIANDIBUGNANO
Sangiovese Montecucco L'Erpico 2004

Interesting aromas of fresh mushroom, parsley and ripe plum. Full-bodied, with soft, silky tannins and a long, long finish. A beauty. Small production and hard to find. Not imported into the U.S. Best after 2009. 310 cases made. –JS

Score: 91

Release Price: $NA

Country: Italy
Region: Tuscany

Issue: Web Only - 2007

PIANDIBUGNANO
Sangiovese Montecucco L'Erpico 2005

A fresh, fruity red, with vanilla, currant and berry on the nose and palate. Medium-bodied, with soft tannins and a fruity finish. Drink now. 340 cases made. –JS

Score: 88

Release Price: $29

Country: Italy
Region: Tuscany

Issue: Web Only - 2008

PIANDIBUGNANO
Montecucco Cuccaia 2006

Very ripe, with a raisin and mahogany aroma to it. Full-bodied, with round and soft tannins and good fruit on the finish. Lacks a little bit on the midpalate. Sangiovese and Merlot. Best after 2010. 1,000 cases made. –JS

Score: 87

Release Price: $22

Country: Italy
Region: Tuscany

Issue: Web Only - 2008

PIANDIBUGNANO
Aleatico Toscana Nanerone 2006

Sweet plum and hints of vanilla and mineral. Medium-bodied, with lots of flavor, finishing with a rice pudding note. Fun to try with a plate of salty cheese. Chill it first. Drink now. 90 cases made. –JS

Score: 86

Release Price: $29

Country: Italy
Region: Tuscany

Issue: Web Only - 2008

PIANDIBUGNANO
Montecucco White Cuccallegro 2007

Light, floral and peachy, with a clean, fresh palate. Simple, but fruity. Drink now. 350 cases made. –JS

Score: 85

Release Price: $22

Country: Italy
Region: Tuscany

Issue: Web Only - 2008

PIANDIBUGNANO
Montecucco Cuccaia 2005

Delicate, with lightly spicy berry and plum character. Simple finish. Not imported into the U.S. Drink now. 1,250 cases made. –JS

Score: 83

Release Price: $NA

Country: Italy
Region: Tuscany

Issue: Web Only - 2007

ARTICOLI ITALIANI:

-------------------------------------------------------------------------------------------

RASSEGNA STAMPA 2007                                                                            

 

GUIDE ITALIANE:

PUNTEGGI INTERNAZIONALI:

 

                     

Wine Spectator   -  Oct. 31, 2007

PIANDIBUGNANO

Montecucco Cuccaia 2005                             83/100 POINTS

Sangiovese Montecucco L'Erpico 2004          91/100 POINTS

 

ARTICOLI ITALIANI:

08/12/2007

Dalla Grecia un piccolo regalo...e sì, perchè l'Aleatico lo hanno portato sulla costa centro tirrenica proprio i Greci (trattasi di mutazione genetica di Moscato di Alessandria, ovvero il vitigno sparso sull'80% delle isole del Mediterraneo).

Chi avrebbe però mai detto che potesse dare vini dolci (questo sì) che acquisiscono finezza con l'invecchiamento (questo proprio no!)?

E invece il
Toscana Aleatico Nanerone 2001 di Piandibugnano NON presenta nessuno dei limiti dei rossi dolci* (tannini freddi "staccati" dal corpo, terziari ossidativi, scarsa finezza).

E per una volta le analogie indicate sul sito aziendale sono vere!

* Porto escluso, ovvissimamente.

http://www.francescoannibali.it/news.asp?id=210

 

ARTICOLI INTERNAZIONALI:

-------------------------------------------------------------------------------------------

RASSEGNA STAMPA 2006                                                                            

 

GUIDE ITALIANE:

ARTICOLI ITALIANI:

RISULTATI CONCORSO ENOLOGICO FESTA DELL'UVA 2006

E’ partita con il piede giusto la XXXVII Festa dell’Uva , si è svolto infatti venerdì 29 Settembre 2006, presso i locali del “Centro Informazioni Strada Del Vino Montecucco” a Cinigiano, il settimo Concorso Enologico della DOC Montecucco, inserito nel Programma della Festa Tradizionale.
La commissione esaminatrice era composta da cinque elementi 3 membri dell’ A.I.S. Associazione Italiana Sommelier di Grosseto:  Giovanni Prisco, Luciano Lupetti e Mario Fratini, un Tecnico vitivinicolo : Sileno Saletti ed un enologo : Marco Stefanini.
Sono stati degustati i vini nelle seguenti categorie: Bianco 2005, Montecucco Rosso 2004, Montecucco Sangiovese 2004, Montecucco Sangiovese Riserva 2004.
La Commissione è rimasta favorevolmente colpita dall’ alta qualità generale dei vini della DOC Montecucco, in particolare per la Tipologia Sangiovese e la Tipologia Sangiovese Riserva sono state riservati particolare elogi. Ma in un concorso ci devono essere dei vincitori ed ecco quindi le aziende che si sono aggiudicate il primo secondo e terzo posto nelle diverse categorie di assaggio.
Montecucco Bianco 2005: 1°classificato  Montecucco Bianco “Cuccallegro” Az. Piandibugnano-Seggiano; 2° classificato Montecucco Bianco “I Fontini” Az. Vegni, Medaglini, Giannetti-Cinigiano ; Montecucco Rosso 2004: 1° classificato Montecucco Rosso dell’Azienda Montesalario –Montenero d’Orcia; 2° classificato Poggio Saragio; Az. Agr. Piaggianello-Sasso d’Ombrone (Cinigiano);e 3° classificato ex-equo Poggio Leone Az. Agr. Mascelloni Aladi e Ado-Montenero d’Orcia e Passonaia, Az. Tenuta di Montecucco Sasso d’Ombrone (Cinigiano ); Montecucco Sangiovese 2004: 1° classificato Montecucco Sangiovese dell’Az. Montesalario-Montenero d’Orcia; 2° classificato “Comandante” dell’Az. Basile-Cinigiano e 3° classificato “Poggio d’Oro”, Az. Le Calle, Poggi del sasso (Cinigiano);  Montecucco Sangiovese Riserva 2003: 1° classificato “Licurgo” dell’Az. Perazzeta di Montenero d’Orcia, 2° classificato “Parmoleto” dell’Az. Parmoleto, Montenero d’Orcia e 3° classificato ex-equo l’”Addobbo” Az Vegni, Medaglini, Giannetti-Cinigiano e “Orciaverde”, Az. Orciaverde-Montenero d’Orcia.
Il Concorso pur svolgendosi a livello locale, ha nelle ultime edizioni cercato di confermarsi sempre di più come un appuntamento importante per i produttori di Montecucco